Tour in bici con guida italiana

Tra la Mitteleuropa, la Slavia ed il Mediterraneo, terre di confine arricchite da una pluralità di lingue e culture, e da una cucina ricca e saporita, si snoda un itinerario capace di proporre al viaggiatore continui cambi di scenario: dalle verdi valli alpine punteggiate di caratteristici paesini al tuffo nel blu del Mar Adriatico, attraverso dolci colline dai pregiati vini, fertili pianure e lande pietrose, torrenti impetuosi e spettacolari formazioni carsiche, villaggi rurali e borghi fortificati, capitali longobarde, porti imperiali e d'impronta veneta. Nella prima parte del viaggio, lungo la premiata Ciclovia AlpeAdria sul tracciato della ex-ferrovia Pontebbana, passiamo dal cuore della Carinzia e dal fascino raffinato di Villach allo sbocco sulla pianura friulana. Nella seconda metà, riscopriamo, ad un secolo di distanza, i luoghi dei tragici eventi che caratterizzarono la Grande Guerra sul Fronte dell'Isonzo. Per finire sul mare, tra la vivacità multiculturale di Trieste e l'intimo nucleo veneziano di Muggia.
Km totali 255 1° giorno : Villach Arrivo individuale a Villach e sistemazione in hotel. Alle 18.00 incontro/briefing con l'accompagnatore e consegna delle biciclette.  Cena e pernottamento in hotel. 2° giorno : Villach - Valbruna 45 km,  dislivello +350 m. Dopo colazione partenza per la prima tappa in bici. Lasciamo l'affascinante centro carinziano pedalando lungo le ciclovie a lato dei fiumi Drava e Gail, attraversando l'ordinata vallata austriaca ai piedi del parco naturale del Dobratsch. Nei pressi di Tarvisio, crocevia commerciale e culturale già in epoca romana, entriamo in Italia. Superiamo lo spartiacque tra i bacini danubiano ed adriatico sulla Sella di Camporosso, il punto più alto del tour, per raggiungere il villaggio alpino di Valbruna, circondato dalla suggestiva cornice delle Alpi Giulie. Cena e pernottamento in hotel. 3° giorno : Valbruna - Udine 60 km, dislivello +100 m. Lambendo la millenaria Foresta di Tarvisio, scendiamo lungo la Val Canale sul sedime dell'ex ferrovia Pontebbana, raggiungendo Pontebba, secolare località di confine tra la Repubblica di Venezia e l'Impero Austro-Ungarico, e percorrendo gallerie e spettacolari ponti sopra il fiume Fella, stretti tra le pareti scoscese del Canal del Ferro e i suoi boschi. Dopo il bicigrill ora ospitato nell'ex stazione ferroviaria di Chiusaforte, la valle piega verso ovest aprendosi gradualmente fino al limite della pianura, dove ci accoglie il borgo fortificato di Venzone: oggi uno dei "borghi più belli d'Italia", nel 1976 fu quasi raso al suolo dal terremoto del Friuli. Un breve passaggio in treno (non incluso) ci conduce a Udine: capoluogo friulano dalle piazze d'impronta veneziana, palazzi antichi e capolavori di Gianbattista Tiepolo. Cena e pernottamento in hotel. 4° giorno: Udine - Gorizia 55 km, dislivello +200 m. Oggi il percorso attraversa la pianura friulana e le colline dei rinomati vini del Collio. A Cividale del Friuli visiteremo lo splendido Tempietto Longobardo, patrimonio dell’umanità Unesco, attraverso una passeggiata nel bel centro storico di questa che fu la capitale longobarda del Friuli, alta sopra la forra del fiume Natisone. Ai piedi delle dolci colline vinicole del Collio, nel pomeriggio, sarà d'obbligo una sosta con degustazione, per poi proseguire per Gorizia, la “Berlino d’Italia”, città divisa dal nuovo confine imposto dopo la Seconda Guerra Mondiale, un rigido muro di separazione che ha diviso le comunità. Per la sua posizione e per la sua storia, la città è uno dei punti di congiunzione fra il mondo latino, slavo e germanico, che oggi respira una nuova atmosfera multiculturale. Cena in ristorante tipico e pernottamento in hotel. 5° giorno: Gorizia - Tomaj 45 km, dislivello +500 m. Il Museo della Grande Guerra situato nel Castello di Gorizia, e l'altopiano carsico a cavallo del confine italo-sloveno, saranno i teatri dove rievocheremo, anche con l'aiuto di un esperto, le storie delle terribili battaglie sul fronte dell'Isonzo tra il 1915 e il 1917 tra gli eserciti italiani ed austroungarici. Nel pomeriggio pedaleremo attraverso i borghi rurali del Carso sloveno, tra doline e tenute vinicole con i bianchi Malvasia e Vitovska ed il rosso Terrano a far da padroni. Cena e pernottamento in agriturismo. 6° giorno: Tomaj - Muggia 50 km, dislivello +350 m. Lungo tratti di sterrato e strade secondarie, arriviamo al Parco delle Škocjanske Jame/Grotte di S.Canziano, patrimonio dell'Unesco, una delle manifestazioni più visibili del carsismo carsico. Qui si inabissa il fiume Reka/Timavo per riemergere, dopo aver percorso uno spettacolare canyon sotterraneo di 34km, nei pressi del Mar Adriatico. Pranzo in agriturismo opzionale. Nel pomeriggio, attraversando il Parco Naturale della Val Rosandra in costante discesa lungo la pista ciclopedonale G.Cottur, realizzata sul sedime dell'ex ferrovia Trieste-Erpelle, giungiamo al centro di Trieste, la cosmopolita "piccola Vienna sul mare" con ottimi Caffè e dalla bora impetuosa. Trasferimento con motonave a Muggia (non incluso), primo assaggio della penisola istriana. Cena e pernottamento in hotel. 7° giorno: dopo colazione termine dei servizi.
Terreno: vario con tratti pianeggianti e collinari, alcuni saliscendi e alcune brevissime salite; tappe da 45 a 60 km giornalieri che ad una media di 13km/h significa da 4h a  5h di pedalata da suddividere nella giornata. Il tour si svolge per il 50% su ciclabili e su strade secondarie a basso traffico. Strade: 90% asfaltate Bici: da cicloturismo o trekking Partecipanti: minimo 8 pax Trasporto dei bagagli: si Consigliato per bambini: oltre i 13 anni

Durata: 7 giorni/6 notti (5 giorni di bicicletta)

Partenze: 20/08/2017

Quote individuali €.
Quota partecipazione 730
Suppl. min. 6 pax 70
Suppl. nolo bicicletta 50
Suppl. nolo bici elettrica (su. Richiesta) 150
La quota comprende: sistemazione in hotels***/**** e 1 notte in agriturismo in camere doppie con servizi privati; trattamento di mezza pensione dalla cena del primo giorno alla colazione dell’ultimo; accompagnatore italiano; trasporto bagagli nei trasferimenti di hotel (1 bagaglio a persona – max 20 kg);  assicurazione medico-bagaglio Europe Assistance 24/24. La quota non comprende: il viaggio a/r dall'Italia,  i pranzi, le bevande; gli ingressi, il noleggio delle biciclette; il treno del giorno 3 e il tratto in barca Trieste-Muggia il giorno 6; gli extra in genere e tutto quanto non espressamente indicato nella quota comprende.
Aereo: gli aeroporti più vicini a Villach sono Treviso e Venezia (ca. 240 km) raggiungibili con voli AlitaliaVoloteaEasyjet. Auto: itinerari programmabili su www.google.it/maps; consultare le norme di viabilità su www.viaggiaresicuri.it. Treno: la stazione di Villach è Villach Hbf. Collegamenti e biglietti acquistabili su Trenitalia e Obb.
Racconti di viaggio

Condividi la tua esperienza o leggi quella di coloro che hanno già viaggiato con noi.

Carica

Grazie per aver condiviso la tua esperienza!

Il tuo commento è stato inserito correttamente e sarà on line subito dopo i controlli di moderazione.

Arrivederci a presto
Lo Staff di Verde Natura

Thank you for sharing your experience with us!

Your comment was correctly sent and will be available online after moderation.

Thank you and goodbye
Verde Natura Team

Ci sono stati dei problemi nel caricamento

Assicurati di aver caricato al massimo 10 foto.
Dimensioni troppo grandi delle foto potrebbero causare problemi

Ti invitiamo a riprovare, se il problema persiste, non esitare a contattare l'amministrazione.

Arrivederci a presto
Lo Staff di Verde Natura

An error occured while uploading

Make sure you uploaded a maximum of 10 images. The size of the images is too big and may cause problems.

Please try again. If the problem persists, contact the administration.

Thank you and goodbye
Verde Natura Team

  • {[{comment.fields.nome}]} Viaggio del {[{comment.fields.data_v | date:'dd/MM/yyyy'}]}

    {[{comment.fields.msg}]}

    {[{comment.fields.risp}]}