brema e mare dei wadden cosa vedere centro storico

Il Mare di Wadden è un paradiso naturale senza eguali al mondo, ricco di isole e isolotti, situato tra il nord della Germania, l’Olanda e la Danimarca. A pochi chilometri si trova una delle più belle città d’arte tedesche: Brema.

Scopri cosa vedere e cosa non puoi proprio perdere fra le meraviglie di questo angolo del Nord Europa, tra natura e cultura.

Mare dei Wadden: cosa non perdere

Il Mare dei Wadden è un’area protetta costituita da circa 50 isole, governate dall’acqua, dalla sabbia e dalle maree.

Inserita nella lista dei Patrimoni Mondiali dell’UNESCO nel 2009, presenta oltre 10mila specie diverse fra animali e vegetali ed è un paesaggio in costante cambiamento, che si trasforma a seconda del livello del mare. I fondali sabbiosi emergono dall’acqua durante la bassa marea, creando delle lunghe passeggiate melmose che portano da un’isola all’altra.

brema e mare dei wadden

ra le attività che si possono svolgere la più famosa è sicuramente il “mudflat hiking” cioè la camminata sul fango.

Fra le varie isole che lo circondano, le Frisone Occidentali sono le più importanti: Texel, Vlieland, Terschelling, Ameland e Schiermonnikoog, ognuna diversa dall’altra, offrono non solo un paesaggio naturale fantastico, ma anche tantissime opportunità di divertimento e di cultura. Tra le attività che si possono svolgere ci sono sicuramente il ciclismo, il birdwatching, la pesca, escursioni in vela, il kite surfing, la canoa, ma la più famosa è sicuramente il “mudflat hiking” cioè la camminata sul fango.

Brema: 5 posti da vedere in città  

Non molto lontano dal Mare di Wadden si trova Brema, magnifica e fiabesca città della Germania del Nord, ricca di cultura e tradizione. Non essendo molto estesa è facilmente visitabile in pochi giorni e ti segnaliamo a proposito 5 posti cool, facilmente raggiungibili dal centro della città. Piccolo particolare: tutti i percorsi turistici sono segnalati da borchiette metalliche sul suolo, che simbolizzano le briciole di pane di Pollicino.

Duomo di San Pietro e Marktplatz

La visita alla città non può che iniziare da questa splendida cattedrale in stile romanico-gotico, fra le più belle in Germania, e dalla cripta del Bleikeller.

Una volta usciti dal Duomo ti troverai nel fulcro del centro storico e politico di Brema, la Marktplatz, piazza del mercato molto animata da cittadini e turisti.  La piazza ospita caratteristici palazzi tra cui la Rathaus (sede del Municipio) e il Schütting (sede della Camera di Commercio) e tipiche casette sede di bistrò con graziosi dehors. Non si può inoltre evitare di scattare una foto insieme alla scultura dei celebri musicanti di Brema, protagonisti della favola dei fratelli Grimm.

All’interno del Rathaus è possibile visitare su appuntamento la Town Hall, che presenta arredi, sculture lignee, modellini di navi appese al soffitto e affreschi assolutamente imperdibili.

brema e mare dei wadden

Non molto lontano dal Mare di Wadden si trova Brema, magnifica e fiabesca città della Germania del Nord, ricca di cultura e tradizione

Böttcherstraße

Accanto al palazzo della Camera di Commercio si apre la Böttcherstrasse, strada tutta in mattoni rossi, unica per concezione e aspetto. Intorno al 1920 Ludwig Roselius, commerciante di caffè nonché inventore del caffè HAG, acquistò questa strada con tutti i suoi edifici, trasformandola in un museo a cielo aperto.

Percorrendola ti sembrerà di entrare in un altro mondo fra Liberty, vecchie leggende, arte moderna e addirittura esoterismo. Ad orari precisi è inoltre possibile ascoltare il dolce suono di un carillon che accompagna tavole lignee che scorrono su una facciata rappresentando la storia di famosi naviganti di Brema e della Germania del Nord.

Lo Schlachte e il Lungofiume

Uscendo dalla Böttcherstraße si arriva al lungofiume, zona frequentatissima ricca di locali e birrerie che regala magnifiche passeggiate fra cibo, birra, degustazioni tipiche e mercatini di antiquariato.

Sul fiume sono ormeggiati antichi velieri riadattati a ristoranti, come l’Ammiraglio Nelson tutto in tema piratesco oppure la Alexander Von Humboldt, il veliero dalle vele verdissime protagonista di un vecchio spot della birra Beck’s.

A proposito di Beck’s, partendo dal lungofiume con una passeggiata di 10 minuti è possibile visitare il birrificio “tempio” della Beck’s con tanto di degustazione finale.

Schnoorviertel

Vecchio e pittoresco quartiere di pescatori dal nome molto particolare: significa infatti “filo di perle”  e presenta, appunto, casette allineate come preziose perle. Vicoli strettissimi in cui si susseguono localini, negozietti di souvenir ed edifici dal sapore vintage, è diventato meta migliaia di turisti che ne affollano le viuzze per immortalarne scorci e particolari.

Il parco Wallanlagen e il Mulino

Il parco Wallanlagen, in cui un tempo sorgevano i bastioni difensivi, regala uno scorcio decisamente insolito a soli due passi dal centro.

Camminando tra prati e fiori spicca una delle attrazioni più caratteristiche della città: il Mühle am Wall, vecchio mulino ancora funzionante, che oggi ospita un grazioso caffè-ristorante in cui poter gustare le tipicità di Brema con una vista mozzafiato sul canale, sulla vegetazione curatissima e sui prati colmi di fiori. Non è forse il modo migliore per concludere la visita in una delle città più belle della Germania?

Come arrivare

Perché non raggiungere Brema e il Mare dei Wadden in bici?

La città tedesca è proprio la tappa finale del nostro Viaggio di Esplorazione 2019. Partiremo da Amsterdam, pedalando lungo le coste del Mare del Nord attraverso le campagne di Frisia e Sassonia ed esplorando luoghi unici come il Mare di Wadden: arriveremo a Brema concludendo il viaggio con un’immersione nelle sue atmosfere fiabesche.

Che aspetti? Vivi insieme a noi una emozionante settimana da pionieri solcando rotte affascinanti e ancora tutte da esplorare.

Scopri il viaggio esplorazione 2019!

brema e mare dei wadden

Inserita nella lista dei Patrimoni Mondiali dell’UNESCO nel 2009, presenta oltre 10mila specie diverse fra animali e vegetali ed è un paesaggio in costantemente cambiamento


Articolo di Travel On Art