Cosa mettere nello zaino perfetto per un trekking di primavera

Scegliere una vacanza smart e green è una decisione sostenibile oltre che sana. Scoprire un luogo camminando è senza dubbio un’occasione unica e autentica per entrare in contatto con la natura e la realtà circostante, ma per farlo serve seguire una piccola serie di accorgimenti. Per chi si vuole avvicinare a questo stile di vita è importante ricevere alcune indicazioni tecniche su come attrezzarsi nel modo migliore, così oggi abbiamo deciso di fornirvi una mini guida su cosa mettere nello zaino perfetto per un trekking di primavera.

La prima cosa importante da sapere è che lo zaino da trekking ideale varia a seconda del tipo di escursioni che affrontate: per escursioni di breve durata ci si orienta su zaini dalla capienza intorno ai 30 L, a differenza di trekking più impegnativi per cui si consigliano zaini che abbiano almeno il doppio della capienza. Un elemento che influenza la scelta dello zaino dipende anche dalla stagione nella quale lo userete: in primavera ed estate lo caricherete con meno accessori che in inverno, e questo è un dettaglio di cui tenere conto.

Cosa mettere nello zaino perfetto per un trekking di primavera

Cosa mettere nello zaino perfetto per un trekking di primavera

Cosa mettere nello zaino perfetto per un trekking di primavera

Uno zaino compatto e con uno schienale regolabile è di certo il migliore amico su cui potrete fare affidamento durante un trekking, perciò non abbiate paura di fermarvi e regolare una volta in più le cinghie e gli spallacci. Ma la seconda domanda che sorge spontanea è:

Che cosa dovrò mettere dentro al mio zaino?

Visto che stiamo parlando di trekking di primavera, abbiamo scelto un piccolo kit di cose di cui non potrete proprio fare a meno:

  • Cappello o bandana
  • Occhiali da sole, preferibilmente a mascherina
  • Crema protettiva contro il sole, nel caso vi concediate una vacanza primaverile al mare o in montagna serve!
  • Pila
  • Carica smartphone d’emergenza
  • Kit pronto soccorso base
  • Impermeabile nel caso in cui il vostro zaino non ne abbia già uno incorporato
  • Prodotti per l’igiene personale, 2 in 1, saponette ecologiche
  • Asciugamano in microfibra ultraleggero
  • Biancheria di ricambio, compresa una maglietta: ricordate, a camminare in primavera si suda!
  • Borraccia, preferibilmente termica
  • Barrette energetiche
  • Un sacchettino per raccogliere i rifiuti
  • Macchina fotografica se siete appassionati, altrimenti è sufficiente lo smartphone
Cosa mettere nello zaino perfetto per un trekking di primavera

Una volta che vi sarete dotati di tutto l’occorrente non vi resterà da fare altro che iniziare a riempire lo zaino. Sul fondo vi conviene posizionare tutti quegli oggetti che occupano spazio, pur non essendo troppo pesanti, in modo tale da non sovraccaricare la parte vicina alla schiena. L’ideale sarebbero l’asciugamano ultraleggero, gli abiti di ricambio e l’impermeabile. Lasciate invece nella parte superiore dello zaino, quella più facile da raggiungere, tutti gli oggetti che userete più di frequente e non dimenticare che potete sfruttare in modo equilibrato anche le tasche laterali dello zaino. Se seguirete questa mini guida su cosa mettere nello zaino perfetto per trekking di primavera vi potrete godere un viaggio da sogno, rimanendo sempre comodi e leggeri!