piatti tipici della sicilia in inverno borgo

La Sicilia non è solo un’isola dal fascino naturalistico e culturale ineguagliabile, ma anche il paradiso dei golosi. Ad ogni angolo, in qualunque momento della giornata, passeggiando per le città sentirai un profumo invitante che ti farà desistere da qualsiasi buon proposito di dieta. Visto che abbiamo deciso di partire per Capodanno alla scoperta delle meraviglie del Barocco, ci siamo attentamente informati sulle tradizioni gastronomiche locali: ecco quali sono i piatti tipici della Sicilia in inverno che potrai assaggiare, partendo insieme a noi!

Piatti tipici della Sicilia in inverno: quando il gusto diventa emozione

L’Italia, nella sua infinita varietà, propone piatti dal gusto inconfondibile che sanno regalare autentiche emozioni. In Sicilia, ogni ricetta viene tramandata di generazione in generazione, custodendo un segreto che riesce ad arrivare diretto al cuore di chi assaggia, ecco quindi 5 piatti da provare almeno una volta durante l’inverno siciliano.

Zucca in agrodolce

La Zucca in agrodolce alla Siciliana è un concentrato di sapore: conosciuta tradizionalmente come “o ficatu ri setti cannola” è un contorno rustico e semplice che rievoca tempi lontani in cui la povertà stimolava la creatività in cucina. Secondo le leggende più conosciute, questo piatto è nato in uno dei più antichi e popolari mercati di Palermo, quello della Vucciria; qui infatti gli ambulanti reclamavano la loro zucca rossa fritta preparata in agrodolce chiamandola o ficatu ri setti cannola (il fegato dei sette rubinetti). La zucca era destinata a coloro che, non potendosi permettere di acquistare il costoso fegato in agrodolce riservato ai nobili, dovevano accontentarsi di questa pietanza che lo ricordava.

piatti tipici della sicilia

La Zucca in agrodolce alla Siciliana è un concentrato di sapore ed è conosciuta tradizionalmente come “o ficatu ri setti cannola” – foto di LifeGate

Crispelle c’angiova

Un piatto siciliano che non può mancare durante il cenone natalizio, soprattutto a Catania, sono le Crispelle c’angiova e ricotta fresca. Fatte con farina e lievito di birra e ripiene di acciughe o di ricotta fresca, vengono poi fritte in enormi pentoloni colmi di olio nelle numerose crispellerie della città. Un piatto assolutamente non dietetico e per questo favoloso per i più golosi.

Pasta ‘ncasciata

A proposito di primi piatti, la Pasta ‘ncasciata ha origini in provincia di Messina, ma fa parte, sia pure con qualche variazione nel condimento, della tradizione invernale di ogni città siciliana. Gli ingredienti che non possono mancare sono ragù, uova sode, melanzane e ovviamente cacio in quantità: in provincia di Agrigento viene aggiunto anche il cavolfiore.

Baccalà fritto

I secondi piatti sono davvero una delizia per il palato: stiamo parlando in particolare del Baccalà fritto e Pipi Secchi di Augusta. Ma di che cosa si tratta? Tra i piatti tipici della Sicilia in inverno non possiamo non citare questa particolarissima ricetta: il pesce, appartenente alla famiglia dei merluzzi, prima della preparazione deve essere ammollato in modo che le carni diventino morbide, perdendo il sale in eccesso. Dopo lo si inserisce in una ciotola con pomodori secchi fatti a pezzi molto piccoli e cipolla fresca, poi viene incorporato alla pastella e fritto, regalando un’esperienza di gusto indimenticabile;

Sfinci

Infine, oltre alla celebre Cassata alla Siciliana, un altro dolce invernale, tipico del periodo natalizio, sono gli Sfinci. Secondo la tradizione, la suocera dovrebbe prepararli al genero: si possono aromatizzare a piacere con scorza di limone e abbondante cannella, senza dimenticare mai lo zucchero finale. Un dolce delizioso che dona tantissime energie: dopo una scorpacciata di sfinci, la pedalata sarà più energica che mai, parola nostra!

Vuoi trascorrere un Capodanno indimenticabile in Sicilia? Parti con noi per un viaggio in bici alla scoperta del barocco in inverno!

piatti tipici della sicilia

Un dolce tipico siciliano invernale sono gli sfinci: secondo la tradizione, la suocera dovrebbe prepararli al genero – foto di GoSicily


Articolo di Travel On Art