pronto-soccorso-escursionista-materiale

La buona riuscita di un’escursione a piedi o in bicicletta dipende in parte anche dall’equipaggiamento e, tra le tante cose che bisogna inserire nello zaino da trekking, ce n’è una decisamente indispensabile che però spesso viene dimenticata: il kit di pronto soccorso!

Se sei un amante delle escursioni, sicuramente ti sarai trovato almeno una volta a dover fronteggiare un infortunio come una slogatura, una puntura d’insetto o semplici malesseri legati all’affaticamento che possono rovinare la tua esperienza di viaggio.

Il solo fatto di trovarsi immersi nella natura, magari a qualche ora di distanza dalla città più vicina, è un ottimo motivo per dotarsi di alcuni elementi di prima necessità: ecco quindi i nostri consigli per costruire il perfetto kit di pronto soccorso dell’escursionista!

Pronto soccorso dell’escursionista: i nostri consigli 

I guai per l’escursionista possono derivare da diversi fattori tra cui spiccano quelli ambientali e quelli legati all’affaticamento ed a veri e propri infortuni come distorsioni o ferite. Quando devi preparare il tuo kit di primo soccorso da tenere nello zaino, devi essere previdente e pensare ad ogni possibile imprevisto

Nel kit di pronto soccorso dell’escursionista, ecco quali sono le cose che non devono mai mancare:

  1. cerotti di varia misura, cerotti per vesciche, garze sterili, bende orlate di garza e bende elastiche con cui realizzare le fasciature e i bloccaggi;
  2. un buon disinfettante per curare eventuali graffi o sbucciature;
  3. pomate come quella per punture di insetti e piante urticanti, quella per contusioni e quella per ustioni e scottature;
  4. per chi fa escursioni che durano più di un giorno, può essere utile avere una dotazione selezionata di farmaci, come antidiarroici, antipiretici e antinfiammatori per dolori muscolari o febbre, farmaci antispastici per dolori addominali, acido acetilsalicilico per chi soffre di mal di testa o dolori vari, farmaci antiemetici per nausee e vomito, antistaminici e cortisone per chi ha problemi di allergie;
  5. inoltre sono utili forbicine, pinzette e guanti in lattice che, oltre a svolgere numerose funzioni, aiutano a procedere più velocemente in caso di medicazioni;
  6. infine ti consigliamo di portare con te anche una coperta isotermica, leggerissima e per nulla ingombrante, che è essenziale per tenere caldo un infortunato in attesa dei soccorsi.

Leggi anche: Come scegliere lo zaino da trekking, i nostri consigli

pronto soccorso escursionista

Come prepararsi ad una escursione 

Oltre agli strumenti che abbiamo elencato e che sono fondamentali all’interno del tuo kit di pronto soccorso dell’escursionista, è importante avere qualche nozione basilare di tecniche di primo soccorso , in modo tale da affrontare con calma gli imprevisti.

Nel caso in cui tu sia alla prima esperienza, ti consigliamo di optare per uno dei kit in vendita nei negozi di articoli sportivi specializzati, che mettono a disposizione un buon contenitore e un minimo di materiali da medicazione, da integrare con medicinali aggiuntivi, adatti ad ogni possibile esigenza e alle caratteristiche dell’escursione che ci si appresta ad affrontare.

Una volta composto, il kit di primo soccorso dovrebbe essere riposto in una custodia apposita, impermeabile e morbida, in modo che non occupi molto spazio nello zaino e possa essere trovato facilmente in caso di necessità. Inoltre è fondamentale valutare spesso la condizione di conservazione delle attrezzature, che possono essere soggette a sbalzi termici, e verificare scrupolosamente la scadenza dei farmaci, soprattutto prima di una partenza.

Il kit di pronto soccorso dell’escursionista è indispensabile per affrontare i piccoli guai che possono verificarsi durante un viaggio, ma bisogna tener presente che occorre prestare sempre la massima attenzione durante un’escursione, sia a piedi che in bici, perché la distrazione e la stanchezza sono a volte cause dei più frequenti incidenti. Seguendo questi piccoli accorgimenti, potrai affrontare con maggiore sicurezza e serenità le tue prossime escursioni!

pronto soccorso escursionista


Articolo di Travel On Art